Immagine di copertina

Immagine di copertina
Il pensatore di pensieri

giovedì 28 marzo 2013

(10) La mia Beatrice


Secondo me ognuno, come il famoso Dante, ha la sua Beatrice. Deve solo trovarla, una persona così speciale che solo il saluto lo ispira a cantarne le lodi. Un amore talmente forte che continua anche se lei smette di rivolgergli il saluto. Un amore talmente radicato nel cuore che continua anche dopo la morte della donna. Questo era l'amore che Dante aveva per lei. E io penso di aver trovato la mia Beatrice. Il mio amore per lei va ben oltre l'amore che intende comunemente l'uomo. Per me lei è l'essenza stessa dell'amore. Stare vicino a lei, sentire la sua pelle contro la mia, sentire il suo profumo nelle mie narici, queste cose mi fanno lo stesso effetto dell'alcool e mi mandandano la testa in confusione, una stupenda confusione! Ed anche quando non stiamo insieme, solo il pensare ai suoi profondi occhi e ai suoi luminosi sorrisi mi fa girare la testa. Penso che un giorno in un abbraccio il mio cuore si sia impigliato al suo e da quel giorno non posso immaginare di stare senza lei. Il solo pensiero di perderla mi da un dolore allo stomaco che mi lascia senza respiro, e mi fa venire le lacrime agli occhi. Non posso e non devo perderla! Questo amore mi ha ispirato a scriverti lodi che possano far capire alle persone quanto tu sia splendida e quanto io ci tenga a te. E ora senza scrivere altre parole, dato che non si può esprimere quello che provo per te, riveliamo il nome della mia Beatrice. La mia musa, colei che mi ispira, colei che mi fa andare su di giri, colei che mi fa vivere un sogno, lei si chiama … non ve lo dico, è un segreto!