Immagine di copertina

Immagine di copertina
Il pensatore di pensieri

martedì 12 novembre 2013

(33) Quantum fortuna in rebus humanis possit et quomodo illi sit occorrendum

Il capitolo 25 del "Principe" di Machiavelli parla della fortuna. L'autore scrive che la fortuna domina e che la virtù può resisterle solo per metà. M. fa l'esempio di un fiume che sta per uscire dai margini, la fortuna concede un margine alla virtù di un uomo, che può quindi alzare i margini con delle protezioni e cercare di fermare l'uscita dell'acqua. Un uomo di potere deve adeguarsi ai tempi che cambiano, cosa difficile perchè se un uomo ha sempre avuto buoni risultati agendo in un modo difficilmente cambierà maniera d'agire. L'autore dice che la fortuna è donna e bisogna batterla e possederla carnalmente, questo mette alla luce il punto di vista sulla donna del suo tempo, la donna doveva essere sottomessa e doveva solo badare alla casa e ai figli. Forse è molto meglio il pensiero del giorno d'oggi, donne che possono lavorare e avere la loro posizione sociale, non necessariamente sotto il controllo dell'uomo! Che sia l'inizio di un mondo più equilibrato? Mh, difficile.
In conclusione, fare un' attenta analisi di questo libro non è per niente semplice e sicuramente ci vorrebbe parecchio tempo. Io personalmente ne consiglio la lettura per poter avere un' idea personale di questi scritti. La mia posizione? Avrete notato che per certi versi sono contrario e per altri sono d'accordo. Se posso però dire la mia: non c'è un modo giusto di agire nella vita, ma c'è sempre un modo migliore. -PENSATORE